Un’ora di sonno in più….ovvero quello che sarebbe piaciuto a Trismamma

Nella notte tra il 24 e il 25 ottobre è tornata l’ora solare. Questa volta col cambio si dorme un’ora in più….già peccato che questo valga per chi non ha figli, perchè ovviamente loro non sanno del cambio dell’ora e nonostante tu da brava mamma li metta a letto un’ora prima, il risultato non cambia….
Domenica, ore 6.00 ora solare: rumore di piedini scalzi e risatine…tic tic tic….si intrufolano nella nostra camera Pulce e Minipulce: “Buongiorno! Facciamo colazione?”….dopo 5 secondi netti anche Micropulce chiama dal suo lettino: “Mammmmaaaaaa!!!”….
Ma io dico, passi che alla domenica vi svegliate presto, mentre nei giorni di asilo devo buttarvi giù dai lettini anche se dormite da 12 ore, ma perchè, perchè e perchè quando cambia l’ora anticipate pure??!! Misteri dei bambini….
L’immagine che ho scelto oggi ben commenta questo tema😉
Credits cosedamamme

image

E lunedì è andato….

Come tutti, credo, soffro l’inizio della settimana…il lunedì!

Scrivo questo post a notte fonda, dopo aver finito di sbrigare le ultime faccende a casa ed aver lavorato un po’.

Dai che il lunedì è andato! Stamattina ero così fusa che ho dimenticato che Minipulce aveva la lezione di Educazione Motoria all’asilo e le ho messo il grembiule, anziché mandarla in tuta accessoriata di calzine antiscivolo….ma ce la posso fare!

Dai che il lunedì è andato….me lo ripeto ancora una volta come un Mantra…e ora vado a godermi le mie meritare ore di nanna….buonanotte a tutti!

La giornata dedicata ai bambini mai nati

Solo ora che questo 15 ottobre è finito trovo il coraggio ma soprattutto la forza di scrivere questo post.

Ci sono delle situazioni che non si augurano a nessuno: una di queste è l’aborto spontaneo.

Chi ha dovuto affrontare questa straziante realtà ha provato qualcosa di devastante, intimo, intenso e sordo.

La maggioranza degli aborti spontanei avvengono nel primo trimestre di gestazione, ovvero entro la 13ma settimana.

Spesso il problema è un difetto genetico ma tante volte è un semplice sine causa.

Vivere una nuova gravidanza nel terrore che riaccada è bruttissimo, la donna vive con angoscia le prime settimane, controllando ogni passo, ogni azione, persino ogni pensiero. Tiene il fiato sospeso quasi che respirando troppo forte quel piccolo cuore possa fermarsi, quel piccolo filo della vita spezzarsi…

Io ho tre figli e altrettanti angeli in cielo: ho perso tre gravidanze nel primo trimestre, ognuna prima di avere in dono i miei bambini.

So cosa vuol dire sentirsi dire “Mi dispiace, ma non c’è battito”, so cosa vuol dire sentirsi dire “La gravidanza si è fermata”….e so anche cosa vuol dire quel terribile “Tanto è giovane avrà un’altra gravidanza” oppure “Signora ha già un figlio, è fortunata”….

Ecco succede questo, dopo il senso di dolore sordo arriva il senso di colpa…solo dopo può arrivare l’accettazione del lutto, perchè proprio di un lutto si tratta, non bisogna vergognarsi.

Io non voglio e non posso immaginare cosa voglia dire perdere un figlio in epoche gestazionali avanzate, o addirittura durante il parto. Non so come certe donne facciano ad andare avanti, avete tutta la mia stima, davvero!

Io sono stata fortunata, ho avuto il privilegio di diventare addirittura Trismamma!

Ancora oggi penso a queste cose, piango, ma vado avanti.

Ho avuto vicino un uomo meraviglioso, mio marito, Trispapà. Solo lui ha davvero condiviso con me quello che ho provato in quegli episodi.
La nostra unione ne è uscita fortificata.
Lui come tanti uomini per tirare avanti fa finta di non ricordare ed io so che lo fa per me….io invece non ci riesco.

Io ricordo e voglio ricordare.

Oggi per me sono Trismamma sulla Terra e Trismamma in cielo.

Ogni 15 ottobre penso a voi, miei tre dolci angeli nel cielo, mi auguro con tutta me stessa che possiate perdonarmi per non avervi potuto proteggere….
image

Bentornata a me!

Ho trascurato per qualche tempo questo blog…complici gli impegni di lavoro, la casa e last but not least ovviamente i figli!

Settembre è volato via in un turbinio di cose ma ottobre è ancora qui, per questo Trismamma ha deciso di darsi da fare e riaccendere il suo blog!

Benvenuto a te nuovo o vecchio folllower, ma anche benvenuta a me, che ho di nuovo ripreso a scrivere sul mio blog.

Trismamma

image

Bambini in spiaggia

bimba al mare

Il sole, preso con le dovute precauzioni ed accortezze, fa molto bene ai bambini.

Tra i suoi vantaggi il sole stimola la produzione della vitamina D che permette al calcio di fissarsi alle ossa e della vitamina A che aiuta lo sviluppo delle ossa.
E’ utile per curare eczemi, crosta lattea e dermatite atopica poichè asciuga le imperfezioni.
Migliora il sonno del bambino e di conseguenza l’umore.
Anche l’apparato respiratorio trae benefici dall’esposizione all’ambiente marino. Insomma il mare fa bene a tutti grandi e piccoli!

Vediamo ora alcuni accorgimenti da attuare per proteggere la pelle delicata dei bambini e usufruire in sicurezza dei benifici dei caldi raggi solari

I neonati
Attenzione ai raggi riflessi: la sabbia riflette i raggi solari che possono danneggiare la delicata epidermide dei neonati, anche sotto l’ombrellone. Meglio non esporli al sole e proteggerli dai raggi potenzialmente nocivi SEMPRE.

Dai 6 mesi
Meglio usare una protezione solare a fattore molto alto SPF 50+, facendo attenzione tra le 10 e le 14, gli orari in cui l’irraggiamento solare è massimo.
Usare gradualità nell’esposizione, proteggendo i fototipi più chiari con maglietta e cappellino, che è meglio usare sempre per tutti i bambini.
Porre attenzione ai raggi riflessi poiché anche sotto l’ombrellone mentre giocano con paletta e secchiello ci si può scottare.
Parola d’ordine: gradualità.
Attenzione anche ai colpi di calore, far bere spesso i bimbi e tenerli spesso all’ombra a giocare.
Applicare spesso le creme protettive soprattutto dopo il bagno o aver sudato.

Buon mare e buone vacanze!!

Chiedi all’architetto…gratis! Su NetworkMamas

Ciao, quest’oggi vorrei farvi conoscere NetworkMamas, una piattaforma dove è possibile richiedere consulti specializzati in ambiti diversi, con la caratteristica di essere forniti digitalmente quindi a distanza. Un nuovo concetto di telelavoro offerto da donne in gamba che hanno il prerequisito di essere mamme!

Se cerchi un architetto troverai un servizio totalmente gratuito sul portale NetworkMamas fornito da me, scoprilo subito!

Scrivi la tua domanda in tema arredamento e ristrutturazione: potrai avere consigli e suggerimenti rapidi direttamente nella tua casella di posta elettronica entro 48 ore.
Dicono di me:

Alessia: “Ho avuto un consulto rapido ed utile. Sono soddisfatta!”

 Raffaello: “Ho contattato l’architetto per un consulto sull’arredamento del mio studio. Sono molto soddisfatto.”

Recensione kit smalto semipermanente Sensationail by Fingr’s

Mi sono da un po’ di tempo appassionata allo smalto semipermanente, dato che con la mia vita da Trismamma far durare uno smalto tradizionale è davvero un’impresa!
Dopo aver aquistato il mio primo kit con lampada led che ho recensito qui, ho voluto provare la linea Sensationail che si trova tranquillamente da Lillapois, Tigotà, Acqua&Sapone ecc…

La durata è 2-3 settimane con una tenuta impeccabile, tanto che si fa addirittura fatica a rimuovere il prodotto.

Il kit si compone di fornetto lampada led, primer, base/top coat, limetta, bastoncino, sgrassatore e naturalmente uno smalto semipermanente.

Ecco alcune delle mie manicure fai-da-me 

  

Sensationail è uno dei metodi di applicazione degli smalti semipermanenti detto trifase:

1) base

2) smalto

3) top coat

L’unghia va opacizzata e sgrassata con il cleaner, poi si passa alla base.

La base è come uno smalto trasparente, va stesa in modo sottile, facendo attenzione a non toccare le cuticole. Asciuga in lampada in 30 secondi.

Successivamente si passa al colore prescelto, da applicare almeno due volte, asciugandolo 1 minuto in lampada.

L’ultimo passaggio è lo strato di top coat che lucida e sigilla la nostra manicure. Si passa in uno strato sottile, asciugandolo 30 secondi in lampada e sgrassando con il cleaner per ultimare tutti i passaggi.

Finito! Non ci resta che goderci la nostra lucidissima e resistente manicure!

Prenatal raccolta punti 2014/2015

Vi ricordo che il 17 maggio scade la raccolta punti Prenatal, avete già pensato a quale premio richiedere?

L’elenco lo trovate sul sito Prenatal

Fatemi sapere quale premio avete scelto e quanto tempo ci hanno messo a inviarlo!

Recensione Kit smalto semi permanente Rokit HoMedics

Oggi è arrivato Trispapà con un regalino anticipato per la festa della mamma: un kit per l’applicazione dello smalto semi permanente!

Il kit si chiama Rokit prodotto da HoMedics  

All’interno della scatola troviamo le istruzioni, la lampada led, lo sgrassatore, il solvente per rimuoverlo, lo smalto semi permanente nella tonalità Shock Pink, una limetta, un bastoncino per cuticole e 20 quadratini per la pulizia.

Vi consiglio di preparare le unghie per l’applicazione dello smalto: applicate uno sciogli cuticole e spingetele indietro con un bastoncino d’arancio, limate le lunghezze e procedere subito dopo all’applicazione dello sgrassatore “Ready” del kit.

La particolarità di questo smalto è la semplicità d’uso: basta sgrassare le unghie con la boccetta “Ready” è passare la prima mano di smalto, “cuocendola” nella lampada led per 1 minuto; va poi applicata la seconda mano di smalto per un effetto coprente e “cuocerla” per 2 minuti e mezzo, finché la lampada non si spegnerà da sola.

Per la rimozione bisogna usare il solvente “Remove” del kit, immergendo le unghie per 5 minuti nel prodotto.
 
 Il risultato è una manicure veloce e resistente, lo smalto è lucido e subito asciutto. Per completare la manicure vi consiglio di utilizzare un olio per cuticole.

La confezione promette 14 giorni di durata…vi saprò dire. Sono proprio curiosa, per ora kit promosso!

Recensione etichette Petit-Fernand

Ieri mattina è finalmente passato il postino che mi ha portato una bella sorpresa: sono arrivate le etichette che ho ordinato dal sito Petit-Fernand!

Sono state spedite il giorno dopo il mio pagamento, io ho usato la formula Paypal, quindi sono stati rispettati i tempi promessi di spedizione entro 48 ore. Purtroppo di mezzo c’è stato un weekend quindi la mia letterina ci ha messo qualche giorno in più per essere recapitata. Nella busta troverete un carnet con le vostre belle etichette! Sono divise per tipologia in modo ordinato, ogni pagina riporta il “nome” dell’etichetta.

Vi mostrerò alcune delle varianti che ho scelto, ecco le etichette termoadesive   queste sono le etichette autoadesive per scarpe, fornite con l’etichetta trasparente di protezione


ed infine le etichette autoadesive classiche per personalizzare gli oggetti, come vedete nella foto ci sono anche i due simpatici mostriciattolo del logo come gadget :)))


Sono davvero molto carine, la stampa è nitida e i colori molto brillanti, fedeli alla visualizzazione che trovate sul vostro monitor nel momento dell’ordine.

Si possono scegliere molti formati, font e immagini decorative, anche l’utilizzo dell’etichetta può essere personalizzato quindi c’è n’è davvero per tutti i gusti.

Sono davvero soddisfatta dell’acquisto e ve lo consiglio!